10 su 10 il successo firmato Catania

Quante volte ci imbattiamo in articoli che descrivono opportunità di lavoro che prospettano carriere avvincenti e compensi onerosi? E quante volte li leggiamo ma sui nostri visi si manifesta l’espressione… sarà vero? Poche settimane fa, mi imbatto in un articolo che raccontava di dieci nuove assunzioni, dieci giovani ragazzi che dopo aver effettuato un corso di formazione sono stati assunti da una delle compagnie da crociera più famose al mondo. Spinta dalla curiosità e dal voler smascherare un qualche marchingegno, vado alla ricerca  di un recapito telefonico della scuola menzionata nell’articolo per cercare di capire questa realtà promettente… Compongo il numero e mi risponde una giovane donna, spiego di aver letto delle dieci assunzioni e di voler capire come fosse possibile tutto ciò. Con mia grande sorpresa, (tante volte mi sono imbattuta in situazioni come questa ma non ho mai avuto questo riscontro) la donna al telefono mi spiega in modo professionale ciò che era accaduto e mi invita presso la loro sede ad un incontro conoscitivo.

Perplessa dell’accaduto, accetto volentieri l’invito e concordiamo l’appuntamento. Inizia così uno dei miei “viaggi” più piacevoli all’interno di una realtà che non conoscevo affatto. Il giorno dell’appuntamento vengo accolta da tantissimi ragazzi, dopo verrò a conoscenza che erano all’incirca sessanta, e dalla giovane donna con cui avevo parlato al telefono. Senza andare troppo per le lunghe inizio con aria sarcastica a chiederle delle dieci assunzioni e di come questi ragazzi abbiano avuto una possibilità unica e rara al giorno d’oggi. Ma le sorprese non finiscono e dopo un breve colloquio la titolare della scuola vuole farmi raccontare direttamente dai dieci ragazzi la loro esperienza, ed eccoli entrare con sorrisi smaglianti ed occhi sognanti, i dieci siciliani che inizieranno a lavorare a fine mese su navi MSC. Chiedo subito cosa li abbia spinti a fare un corso di formazione per croupier e come siano venuti a conoscenza dello stesso; la maggior parte di loro ha scelto questo percorso grazie al consiglio di qualche amico o amica che adesso possiede un titolo professionale riconosciuto in tutto il mondo e svolge un lavoro appassionante e appagante: quello del croupier.

Con una nota di scetticismo e anche di provocazione gli chiedo come si sentissero a mollare affetti, abitudini e partire rimanendo lontani da casa per almeno sei mesi, per tutta risposta i ragazzi mi comunicano il loro totale entusiasmo per questa nuova avventura che avverrà dopo la conclusione del loro percorso formativo. Iniziano a raccontarmi del corso, delle difficoltà che hanno riscontrato ma soprattutto di tutto ciò che hanno ricevuto: professionalità, conoscenze, metodologia; grazie a questa formazione in loro è nata la fiducia in se stessi e la volontà di prendere in mano la loro vita costruendo un futuro certo e stabile. Rimango con una sensazione tra entusiasmo ed incredulità, parlano del lavoro che da qui a breve svolgeranno e dei sorrisi che incontreranno perché – come detto da Michele Orofino uno dei dieci assunti – sulle navi da crociera la gente è in vacanza, si rilassa, non pensa al lavoro, ha più tempo per se stessa e quindi sorride perché felice. Adesso le mie sensazioni sono cambiate, mi sento travolta da quell’ondata di felicità e serenità che emanano “i dieci” e perché no…forse un po’ invidiosa nel sapere che svolgeranno un lavoro ben retribuito che gli permetterà di girare il mondo e conoscere altre culture.

Veronica Farinella

www.scuolacroupier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *